IL MOMENTO DECISIVO | REPORTAGE

articolo di Girolamo Monteleone

Uno scrittore ha il tempo di riflettere prima che la parola si formi, prima di stenderla sul foglio.

Per noi (fotografi) invece ciò che scompare, scompare per sempre e questa è insieme

la nostra angoscia e l’originalità essenziale del nostro mestiere….

Henri Cartier-Bresson – Il momento decisivo

Henri Cartier-Bresson e considerato il padre del fotogiornalismo moderno, con l’obiettivo della su Leica puntato su quel “momento decisivo”.

l’occhio del secolo ha attraversato il Novecento, catturandone tutti i suoi stravolgimenti, eventi e personaggi chiave ma anche e soprattutto quei piccoli attimi di quotidianità.

La fotografia riesce a catturare con uno scatto l’istante irripetibile di un sorriso, di un’emozione, di un avvenimento storico o della vita.

Quando guardiamo una fotografia forse sottovalutiamo tutto questo. Ignoriamo quel “momento decisivo” in cui il fotografo sceglie il suo soggetto, quella frazione di secondo prima di scattare in cui la mira dell’occhio si allinea a cuore e mente.

Del racconto di quei momenti Henri Cartier Bresson ne ha fatto una filosofia di vita, prima che stilistica.

Fu solo guardando uno scatto pubblicato nel 1931 sulla rivista Photographie, del fotogiornalista ungherese Martin Munkácsi, intitolata Tre Ragazzi al Lago Tanganica, che avvenne la conversione alla fotografia. L’immagine mostrava tre ragazzi di colore giocare tra le onde del mare. La spontaneità della composizione e la gioia di vivere che emanava la foto ebbe l’effetto dirompente  nel giovane Henri.

“Improvvisamente ho capito che la fotografia può fissare l’eternità in un istante. È stato come ricevere un calcio nel sedere: forza vai!”, disse poi Cartier-Bresson a proposito di quello scatto.

Comprò così una piccola macchina Leica 35mm con lente 50mm che divenne un’estensione del suo stesso occhio. Un occhio sempre pronto a cogliere l’attimo unico e significativo di alcuni dei più grandi eventi del XX secolo in giro da un continente all’altro per realizzare quei reportage che gli daranno fama mondiale: in Spagna durante la guerra civile, a Parigi all’indomani della liberazione nel 1943, e poi ancora in India con Gandhi a poche ore dal suo assassinio nel 1948, in Cina l’anno dopo quando i comunisti presero il potere.

In quegli stessi anni Bresson fonda insieme agli amici Robert Capa, David Seymour, William Vandivert e George Rodge la Magnum Photos,  oggi una delle più importanti agenzie fotografiche al mondo.

All’attività di fotoreporter affianca negli anni ’60 quella di ritrattista, immortalando i volti più celebri del secolo: da Martin Luther King a Coco Chanel e Marylin Monroe.

“Osservare lì dove gli altri sanno solo vedere”.

La fotografia di Cartier-Bresson osserva la realtà quasi spiandola dal buco della serratura.

Senza essere invadente, resta ai margini per catturare il flusso della vita che si muove davanti ai suoi occhi.

Henri Cartier-Bresson getta il suo sguardo sulle piccole cose.

Cartier-Bresson scopriva la straordinaria capacità del  fotoreporter di osservare la realtà in quelle sfumature e quei dettagli solo apparentemente banali: “Nella fotografia le cose più piccole possono diventare un grande soggetto”.

Lontano dai campi da guerra e dagli eventi altisonanti della storia, Cartier-Bresson fissa nei suoi scatti la normalità dell’uomo.

 Non c’è la sfrenata ricerca della perfezione tecnica nei suoi scatti. La sua cifra stilistica è la spontaneità dell’istante.

Il cogliere la vita di sorpresa da dietro un mirino, nell’attimo decisivo in cui tutti gli elementi compositivi (persone, luce, dettagli) si trovano in un equilibrio perfetto.

Non servono cento scatti, ne basta uno soltanto in grado di cogliere questo “momento decisivo” in cui la realtà si dispiega davanti ai nostri occhi nella forma ideale per realizzare una grande foto.

FOTOGRAFI FAMOSI - Henri Cartier-BressonFOTOGRAFI FAMOSI - Henri Cartier-Bresson GANDIFOTOGRAFI FAMOSI - Henri Cartier-Bresson

Fai una domanda a Girolamo Monteleone

Usa Whatsapp
riflessioni sulla fotografia – Il momento decisivo…

Trasformo istanti sfuggenti in emozioni indimenticabili

Il mio obiettivo è catturare le emozioni della coppia nei momenti più importanti

Rivolgo i miei servizi a coppie moderne, che amano la sobrietà,   che desiderano un professionista  affidabile e in grado di cogliere attimi irripetibili e sentimenti veri. Per poter svolgere il mio servizio in questo modo ho scelto l’approccio fotografico definito reportage o foto giornalismo di matrimonio insieme a una buona dose di empatia.

Se cerchi un fotografo che sappia catturare le tue emozioni, che sappia raccontare la tua personalità durante i giorni più importanti della tua vita…

riflessioni sulla fotografia – Il momento decisivo…
Catturare sentimenti, cogliere istanti,  con stile.
This error message is only visible to WordPress admins
Error: There is no connected account for the user 1809041306.

Fai una domanda a Girolamo Monteleone

Usa Whatsapp

FOTO REPORTER EMOZIONALE

  • Mi chiamo Girolamo Monteleone. Mi piace studiare l’animo umano, l’emotività, conoscere differenze culturali ed etniche. Ho viaggiato molto, ho lavorato negli Stati Uniti, in Africa, in Cina e in Italia dal Nord al Sud. Parlo cinese ed inglese quanto basta per poter lavorare 😉

SCARICA GRATIS IL MIO eBook

Puoi acquistarlo su Amazon oppure scaricarlo gratis da qui
riflessioni sulla fotografia – Il momento decisivo…

DA 15 ANNI MI OCCUPO DI MATRIMONI

NEL 2005 HO VISSUTO L’ESPERIENZA DI SPOSARMI

SONO STATO AL FIANCO DI CENTINAIA DI COPPIE DURANTE IL LORO GIORNO PIÙ BELLO, EMOZIONANTE MA ANCHE FATTO DI TENSIONI E PAURE.

VOGLIO CONDIVIDERE CON TE ALCUNI CONSIGLI UTILI…

SCARICA GRATIS IL MIO eBook

Puoi acquistarlo su Amazon oppure scaricarlo gratis da qui

Spero che quello che hai trovato sul mio sito ti sia stato utile.

Qual’è il tuo stato d’animo in questo momento?

clicca qua sotto